querule

giacobine è bello!

28 agosto 2005

(che poi, stringi stringi, in una serata lilla e indaco come questa, mi brucia di dolore il pensiero che arriverà un domani e non potrò più tenere la finestra aperta ventiquattr'ore al giorno)

e nello squallore di una domenica piovosa e deserta di fine estate, passa rombando un ford transit come quello dell'a-team.
e però è carico di suore.

19 agosto 2005

Image hosted by Photobucket.com

11 agosto 2005

l'hai vista la puntata di oggi di ben?
mare, campagna o città il tempo televisivo è necessario alla ricreazione dei neuroni. cosa è meglio di un telefilm? anche se la serie in questione è vecchia, ci sono arrivati tutti prima di te (come in ogni altra cosa del resto :), e neanche così bella, tanto da rischiare d'essere ricordato come il teleilm dalla sigla più bella del telefilm stesso (cioè, quando finisce la sigla sei già soddisfatto e puoi spegnere la scatolina infernale) però ha un orario geniale per chi concepisce il primo pomeriggio solo utile alla digestione e alla siesta e poi..e poi c'è un coprotagonista che è più protagonista della protagonista.
lui.

il tormentone ormonale ufficiale di casa mia.

07 agosto 2005

p(i)attume
non riesco a capire se il fiorire in questo specifico periodo dell'anno di tutta questa gran massa di uscite settimanali collezionabili di qualsiasi cosa sia un sintomo di una stagione estiva nel suo pieno ("sei in vacanza, perché non ti trovi un hobby"?) o già in potente declino ("le vacanze stanno finendo, accettalo: eccoti una bella collezione che ti distrarrà dalla triste realtà").
boh? fatto sta che gli specializzati in questo genere di prodotti (i vari fabbri editori, de agostini, dal prado, hobby & work eccetera) non si stanno risparmiando nel proporre progetti editoriali sempre più deliranti. mi chiedo quali personaggi abbiano proposto di far collezionare a poveri italiani manipolabili e dalla psiche piatta:
- carte da gioco e da divinazione
- generali napoleonici (praticamente, sono i soldatini con cui giocava mio cugino da bambino. per qualche motivo ora non sono da sfigato ma hanno un appeal)
- orologi in miniatura da collezione
- emy, la bambola da vestire (ogni uscita un vestitino o un accessorio)
- scatoline di porcellana da collezione
- teletubbies
- bomboniere da collezione (che non è, evidentemente, la stessa cosa che le scatoline di cui sopra)

e poi ancora:

- creare gioielli d'arte
- costruisci il tuo motoscafo "riva" in legno
- "duri a morire", la collezione definitiva di film d'azione da non perdere

c'è del genio perverso in tutto questo. immaginate il piattume di uno che vuole avere una collezione di qualcosa ma afflitto dalla prescia non ci si mette nemmeno ma preferisce essere imboccato da qualcuno che ha marketizzato il tutto. e immaginate la quantità di pattume che viene generata da questo tipo di uscite. di solito c'è chi compra la prima, invogliato dal tristemente famoso prezzo di lancio, ma poi abbandona dopo poco tempo. rabbrividisco a pensare a quanta carta sprecata, quanto legno che marcisce nei magazzini insieme a porcellanine spaccate, vestitini di emy la bambola stropicciatini, generali sfigati che nessuno vuole perché sui libri di storia occupavano solo meno di due righe.
tremo perché penso che nell'italia dell'austerity al massimo si collezionava l'enciclopedia medica a fascicoli, l'arte del ricamo o il dizionario del bricolage. ora siamo a questo. fra cinque anni cosa collezionerà il mio vicino di casa? "gagdet avanzati dalle riviste femminili del biennio 2001-2003"? "braccialini be around"?? "figurine del calcio degli anni '80"?? le pins della fosbury records???

04 agosto 2005

opinionista, vil razza dannata

la mattina faccio colazione e faccio zapping. abbandono l'oroscopo di susanna schimperna, l'agrimeteo, le repliche di nicky e l'occasionale videolino su all music (la mtv non si vede) ed invariabilmente, ci casco. lo so che non dovrei. poi finisce che m'arrabbio. poi finisce che comincio a pensare a prenotare per emigrare dallo stivale italico. ma mi sbaglio, che ci posso fare?, e càpito su retequattro proprio mentre comincia "secondo voi", conduce paolo del debbio.

paolo del debbio, opinionista.

(ho una domanda:
costituisce professione, fare l'opinionista?
perché dare opinioni tutto il dì deve essere stancante, eh.
io non lo farei mai. sai che stress.
e poi come ti conteggiano le ore di lavoro? e gli straordinari? e chi ti paga? sei libero professionista? o sei dipendente?)

paolo del debbio, opinionista, sembrerebbe far parte della categoria dei dipendenti. del nostro presidente del consiglio. retequattro del resto è la riserva indiana dei sostenitori fino alla morte di silvio. fra un fede e un gervaso, del debbio si nota di meno, ma di sicuro non fa eccezione. questo professore di etica sociale e e comunicazione allo iulm di milano è editorialista de "il giornale" e tgcom. e ha partecipato ai lavori per la costituente di forza italia.
come dire, credenziali di ferro.
se come informazioni non bastano a tenervi lontano dal piccolo schermo, la visione di una puntata random di "secondo voi" servirà.
e ci sono degli effetti desiderati altrettanto importanti: "secondo voi" è un eccellente callifugo, un affamante naturale per i più cicciottelli fra chi è all'ascolto, tiene lontane zanzare ed altri insetti sgradevoli e zittisce all'istante anche il più rumoroso dei vicini di casa. ma attenzione: l'eccesso di visione del programma può provocare nausea, secrezione lacrimale abbondante, depressione, pensieri catastrofici e stitichezza (!).

dunque dicevamo. "secondo voi" intende rispondere a quesiti di urgenza universale attraverso la vera voce dell'uomo della strada (ma anche donna). quindi paolo del debbio, opinionista, sguinzaglia per le città d'italia le stagiste del tg4 e di studio aperto. parte invariabile il "buongiorno da napoli (o roma, o bologna, o treviso, o varese, o ponte di legno)". e poi, scatta la domanda:

- l'aborto è omicidio?
- cosa spinge i kamikaze a massacrare degli innocenti?
- l'embrione ha un'anima?
- la clonazione è un orrore senza fine?
- quello italiano è un popolo razzista o sono loro che sono negri?

dopo circa venti risposte quasi tutte assertive, si cambia città. dopo circa 5 città, e quindi con circa un centinaio di pareri di persone quasi tutte analfabete di ritorno, qualcosa spinge paolo del debbio, opinionista, ad affermare:
- bene, come avete visto gli italiani ritengono...",
cui segue una serie di affermazioni gravissime, razziste, di una limitatezza mentale senza pari e senza dispari. ma paolo del debbio, che campione sensibile è cento persone scarse?? ma anche senza che stiam qui a parlare di statistica, materia che tu non conosci: come fa a ergerti portavoce di 61 milioni di persone??? che son tante per venti minuti di programma, eh.
ma del resto, questa è solo la mia opinione.


ps: per chi non fosse come me sveglio ad orari inverecondi della mattina, suggerisco di tentare la sorte in altre fasce orarie, ché il programma lo replicano a bordo pranzo e anche verso la messa in onda di studio aperto.

grazie, grazie davvero

Elenco Chiavi di ricerca mese di Agosto
Chiave cercata:
steve irwin idiota

sapere che non siamo sole ci dà un grande conforto.

02 agosto 2005

depressione vera vs.depressione in posa.
prossimamente su queste pagine.
(scusate è che ho il pc appestato che più di così non si può)