querule

giacobine è bello!

25 luglio 2005

tolleranza zero

è quella che nutro per steve irwin (e, secondariamente, per la sua signora che ancora non capisce che è il caso di mollarlo, un pezzo di idiota così).
chi?, dici tu.
giusto. il nome non lo conosci, ma se ti dico che è il cretino colossale che insegue i serpenti velenosi e i coccodrilli su discovery channel e, nel dopocena, su la7, allora inquadri perfettamente il personaggio. mi chiedo quale genio abbia ricevuto in dono dagli dei dell'olimpo l'idea di affidare un programma educativo a un pazzo irresponsabile che gioca al lazo con i corallini occidentali, che si tuffa vestito fra le mangrovie, che nuota a fianco di alligatori incazzosi e che (da ultimo) intervista oranghe incinte (visto con questi occhi):
- è il tuo primo figlio?
(ovviamente, dall'altra parte solo silenzio)
- diventare madre ti cambia proprio la vita, eh
(l'oranga lo guarda con occhio fisso)

immagino, o meglio provo ad immaginare, quale debba essere l'espressione del cameraman che si trova a dover trascorrere parte della propria vita lavorativa con un pirlone che per lavoro ha scelto di correre dietro ai velenosissimi serpenti a sonagli nani, stupéndosi di non esserne stato ancora morso e mostrando alla telecamera le proprie mani tremolanti di paura. a volte si vanta di non essere mai stato morso da nessun velenifero. strano, dico io. con tutti gli accidenti che gli ho mandato nel corso dell'ultimo anno mi stupisce che ancora non gli sia venuto un bubbone sulla fronte spaziosa e fiduciosa, un sesto dito alla mano con cui acchiappa le bestie, un incisivo tutto nero o un occhio improvvisamente strabico. o qualcosa di assai peggio.

e tornando alla moglie. signora irwin, cosa si prova a dover lavare dalle sette volte in su per diem la divisa del suo amabile marito? e lui non si rende conto di quanto sia ridicolo con i calzoni corti dei lupetti degli scout alla sua età? non potrebbe convincerlo, quando si tuffa nelle paludi, a sfilarsi le scarpe? tanto, cosa sono due sanguisughe per uno come lui? e non pensate al benessere della vostra figliola (l'ultima in ordine di tempo ad essere stata coinvolta nelle vostre deliranti avventure)? voglio dire, la siusy blady e patrizio roversi la loro prole la lasciano a casa quando vanno a fare le escursioni in giro per il mondo: voi non potreste usarle la medesima cortesia? chissà quanto la prendono in giro i compagnucci di scuola: "tuo padre è un pirlone!!! gnegnegnee-ee...". sono traumi che non si superano, signora. glielo dico, sa'.



poi dice che vogliono vietare la messa in onda degli incontri di wrestling. ma dov'è il moige quando serve?

nel mio terzo occhio catastrofista ribollono immagini di ragazzini che crescono futuri eredi di steve l'acchiappacoccodrilli, prendendo con le mani bacarozzi (nella migliore delle ipotesi) e innominabili altri creature e riempiendosi di pizzichi (sempre nella migliore delle ipotesi).

un cretino totale.

4 commentini:

At 11:44 AM, Anonymous coma ha detto...

E magari, magari, MAGARI penso ogni volta, magari ti mordesse, pezzo d'imbecille. Magari quel caimano ti staccasse la mano, esibizionista invasato che non sei altro, e che poi passasse anche a casa di chi ti produce il programma e di chi lo manda in onda a fare un salutino.

questo l'ho letto sul blog di una mia amica. io non sapevo chi fosse questo tizio, ma ora mi state facendo venire la curiosità!

 
At 3:57 PM, Blogger più querula ha detto...

..ma allora siamo tanti! ma tu come hai fatto a scamparla finora?!

 
At 4:44 PM, Anonymous Anonimo ha detto...

è che io vedo tanta tv ma pochissimo la tv terrestre (a parte quando so che ci sono i miei serialspreferiti), e in particolare la7 praticamente mai (si vede male). quindi mi perdo tutto, per fortuna anche tutti i personaggi tv (i giornali scandalistici ormai sono pieni di sconosciuti per me).
non sono snob, sono fox-dipendente.

 
At 4:45 PM, Anonymous coma ha detto...

uff, ero io.

 

Posta un commento

<< Home