querule

giacobine è bello!

12 luglio 2005

la drammatica conferma dei peggiori luoghi comuni

mi dà un fastidio, ma un fastidio quando gli stranieri dicono degli italiani che siamo grandi gesticolatori, a livello di parkinson praticamente. che siamo fuori di testa da quanto ci agitiamo quando parliamo. che facciamo paura, che invadiamo lo spazio vitale altrui, che per un interlocutore non italiano ciò è imperdonabile, francamente intollerabile. e io mi stranisco. ma guarda tu questi. sti beoti stoccafissi. ste mumme dell'asia minore. che poi non è vero, io non gesticolo. io non gesticolo mai. io non ho mai gesticolato nella mia vita. io non gest -

me ne accorgo mentre dò informazioni stradali alla seconda coppia consecutiva di turisti stranieri. a me era sembrato di aver detto solo "il campeggio è dall'altra parte della strada, vicino al semaforo lampeggiante"

ma purtroppo grazie al frenetico agitarsi dei miei arti superiori, quello che loro hanno capito (lo intuisco dallo sguardo smarrito) deve essere all'incirca questo:

"lassù fra le montagne puntute si salta con gioia e si rotola a terra sotto l'enorme sole che pulsa nel suo percorso costante verso occidente"

5 commentini:

At 4:53 PM, Blogger più querula ha detto...

non riesco a smettere di ridere!

 
At 8:08 PM, Anonymous benty ha detto...

pensa che il libro che usiamo per il secondo anno dedica una parte di un capitolo alla gesticolazione tricolore, e insegna vari significati dei gesti, fra cui l'ombrello

 
At 11:40 AM, Anonymous coma ha detto...

significati? io gesticolo tantissimo, quando me ne accorgo mi vergogno, soprattutto perchè NESSUNO dei gesti che faccio ha qualche collegamento con le parole.

 
At 10:14 PM, Anonymous Federico ha detto...

Se può consolare, io invece ho una specie di tic di imbarazzo e mi allento il collo della t-shirt, fingendo un soffocamento. E' grave ?
Saluti al Gremlin(s)

 
At 5:36 PM, Blogger più querula ha detto...

io mi gratto il naso, che non sembra una cosa propriamente da galateo

 

Posta un commento

<< Home